Miserevole uomo,

animato dai vortici del silenzio e dall’agonia dei vuoti che essi portano con se,

non darti pena se le tue labbra faticano con il suono scusa, ho sbagliato

non tormentarti se le tue dita non sanno comporre le lettere del non avrei dovuto.

Lascia che siano le tue spalle a custodire la tua ombra e il suo timore,

Ora avanza

senza abbagli e senza rimpianti:

ciò che hai calpestato era già a terra

e ciò che hai avuto era già per te.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...